chiama adesso la Tana del Lupo

sempre aperto - pranzo e cena   mangiaredormirepulmannmatrimonio

l'indimenticabile Senna...

senna2"Mi ricordo perfettamente di quando venne a mangiare a La Tana del Lupo Ayrton Senna. Lo ricordo soprattutto perché mi chiamò per nome...".

Con queste parole Daniele Zinzani, proprietario de La Tana del Lupo, racconta uno degli episodi più toccanti legati alla storia del ristorante faentino. Perché La Tana del Lupo non è soltanto un ristorante: è un luogo d'incontro, che nel tempo ha raccolto emozioni e ricordi. Nel corso degli anni sono state tante le personalità sportive che si sono fermate a mangiare alla tavola de La Tana del Lupo, magari tornando dall'autodromo di Imola, in periodo di Formula 1. È così che Daniele ha fatto la conoscenza di Ayrton Senna.

Così ricorda Daniele "Un anno Senna si fermò a mangiare da noi a La Tana del Lupo, con tutto il suo team. L'anno seguente, trovandosi nei paraggi, si fermò nuovamente a mangiare al ristorante e queste furono le sue parole quando entrò a La Tana del Lupo:  "Ciao Daniele! Passavo di qua e volevo salutarti! Dov'è il cuoco, così saluto anche lui...".

Era passato un intero anno e Ayrton Senna non aveva dimenticato né il mio nome né l'accoglienza ricevuta a La Tana del Lupo. La semplicità e l'umiltà del grande pilota mi colpirono profondamente. In un certo senso, la sua presenza è rimasta qui, tra le mura de La Tana del Lupo, anche dopo tutti questi anni".

un regalo speciale di Giancarlo Minardi

minardi2Chiunque vada a mangiare a La Tana del Lupo, non potrà non notare il musetto della Minardi appeso in una sala. Se poi ci si inoltra nella saletta ricolma di gagliardetti, quella dove in genere si ritrovano a mangiare le squadre sportive, si comprenderà subito per quale ragione venga chiamata Sala Minardi. Uno stendardo del team Minardi fa bella mostra di sé nella sala, per ricordare agli avventori de La Tana del Lupo che ci troviamo a Faenza, a due passi da dove lo storico team ha visto i natali. Lo stendardo e il musetto non si trovano certo a LaTana del Lupo per un caso: è stato proprio lui, Giancarlo Minardi in persona, a donarli a Daniele, il propietario della struttura.

"Giancarlo Minardi viene spesso a mangiare qui, ed evidentemente si trova molto bene, dato che ha deciso di farci questo regalo" racconta con orgoglio Daniele.

Per gli appassionati di Formula 1, La Tana del Lupo è un luogo d'incontro particolare. Da Imola a Faenza c'è una vera e propria tradizione legata ai motori, che si respira in maniera vivace ogni volta che si entra a La Tana del Lupo.

La Toro Rosso

tororossa
Occupa un'intera parete della sala principale de La Tana del Lupo ed ama lasciarsi ammirare. Blu scura, saettante, ci ricorda che ci troviamo in terra di corse di Formula 1: è la Toro Rosso, la mitica automobile sportiva che, dalla pista dell'Autodromo di Imola, ha deciso di fermarsi al ristorante.
La Tana del Lupo è un luogo prediletto dagli appassionati di Formula 1 e ai suoi tavoli è molto facile imbattersi in personaggi che il mondo delle auto sportive lo conoscono davvero bene, come i meccanici e i tecnici della Scuderia Toro Rosso.